LA SINDROME DI..

 

peter pan

(immagine presa dal web)

Colpisce gli uomini e fa fuori le donne.

Eh sì, soprattutto i maschietti, arrivati ad una certa età vengono inesorabilmente colpiti dalla “sindrome di Peter Pan, ovvero la sindrome del cazzone. ” Negli ultimi tempi mi è capitato di incontrare diversi esemplari di tali uomini. Per esempio l’ultrasessantenne che si compra l’anello uguale al quattordicenne e se ne vanta con esso; o l’ultraquarantenne che non vuole gli auguri su facebook perché non vuole che si sappia la sua età; o ancora gli ultratrentenni che quando avevano vent’anni invece di divertirsi si sono accasati presto e fatto tre quattro figli e si trovano a quasi quarant’anni a vivere la giovinezza che si sono negati precedentemente (ecco perché noi donne single quasi quarantenni non troviamo il principe azzurro!); o quelli che o hanno 40 anni o 50 o 60 e la cosa che li accomuna è la paura di invecchiare e allora devono trovarsi la ventenne che gli fa ri-vivere il brivido della loro gioventù. E la domanda sorge spontanea:” Per quanto una ventenne possa essere matura, ma che dialogo ci potrà mai essere????????” Quindi suppongo che siano due le cose:

  1. siete voi moooolto immaturi e bambinoni;

  2. avete sotto mano carne fresca da scopare!(E vai con l’ego a duemila).

Io questi uomini proprio non li capisco! E’ più forte di me…ci ho provato ma senza risultato. Tale sindrome tuttavia, non colpisce solo gli uomini, è vero. Ci sono anche donne “peter pan” ma la differenza tra loro e gli uomini è che loro sanno affrontare discorsi seri ed intelligenti, i maschietti “peter pan” no!

E badate bene, io non dico che non è bello essere fanciulli dentro, ma una cosa è essere dei fanciulli con la loro innocenza, spontaneità e capacità comunicativa che purtroppo da adulti perdiamo, un conto è essere dei CAZZONI immaturi e di cattivo gusto che si sentono “cool” solo perché hanno un anello alla moda, una gnocca ventenne oca giuliva che si accompagna al loro fianco o che fanno i ventenni a quarant’anni perché a vent’anni hanno fatto i quarantenni.

Luna.

Aggiungerei, cara amica mia, che ci sono anche le categorie dei depressi…quelli che quando t’invitano ad uscire ti si piantano con le loro depressioni e fallimenti lavorativi e relazionali!!!!!!!!!Sociopatici della minchia che a fine serata ci provano pure…meglio la corazzata Potëmkin in lingua originale senza sottotitoli!!!
Scusate l’intrusione e grazie per la lettura 🙂 brava Luna.

Eva

Annunci

16 pensieri su “LA SINDROME DI..

    • Ma così è bello…ma un conto è essere sognatore con l’innocenza di un bambino, un conto è essere veramente dei cazzoni con cui proprio non sai di cosa parlare! Io pure sono una sognatrice e spesso mi lascio andare alla fantasia… 😀
      Luna

  1. Mi sento tirato in causa, per questioni anagrafiche, non perché ho la coda di paglia. Come uomo confermo che la sindrome coglie quasi tutti e personalmente diffido dei troppo sicuri di se che ostentano. Conoscere le proprie debolezze aiuta.
    Se poi si è impegnati si devono fare considerazioni aggiuntive… Attenzione però a chi sta dall’altra parte, a volte pecca come minimo di troppa ingenuità…

  2. Buongiorno…che la sindrome colpisca quasi tutti se non tutti è certo. Io in primis mi sento una ragazzina…ma ci sono sostanziali differenze secondo me, tra coloro i quali ho descritto e chi invece si prende cura del suo bambino interiore…oddio ora ti faccio un trattato di psicologia! 😉 In sostanza c’è chi è un adulto/ bambino e chi invece solo un cazzone!
    Luna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...