MILANO

image

(Immagine personale)

Milano. Città frenetica, grigia, caotica, la città degli aperitivi. Milano, così perfetta, troppo perfetta: non una buca nelle strade, non un palazzo con facciate decadenti, o con tende da sole differenti. Tutto ordinato, pulito. Milano, la “precisina”: nulla è fuori posto, anche i suoi abitanti. Precisi fino alla nausea. Milano città poco affascinante (non me ne vogliano i milanesi), eccezion fatta per quei due posti semi belli che hanno: i navigli, il centro, corso Como. Milano. Non mi è mai piaciuta come città, non l’ho mai amata. E il karma mi ha punito: mi ha fatto innamorare di un milanese, che neppure vive nella grande (si fa per dire) città, ma là dove è famoso l’amaretto: a 20 km. E per amore dovrò convivere con Milano, l’amaretto e i suoi abitanti. Ecco i suoi abitanti. Milano è la patria dei “puzzaculo”: snob fino alla nausea, insopportabili altezzosi “celhosoloio”. Ma non ci sono solo loro, per fortuna! Ho notato anche una gran varietà di tamarri, ma per trovarli bisogna spingersi verso la periferia. Pochissimi fricchettoni, e un numero giusto di coatti. Una metropoli multietnica, ma poco integrata. Insomma, a me Milano proprio non piace, tanto da dire:” Certo che per essere brutta è brutta Milano!” (Chiedo di nuovo scusa ai milanesi, ma de gustibus). Ora per amore dovrò imparare a sopportarla, a viverla e chissà, forse un giorno riuscirò anche ad amarla.
Sapete io vengo da Roma, che amo per il suo caos, il suo disordine, la sua sregolatezza, la sua decadenza, la sua bellezza. Riuscirò mai ad ambientarmi in una città così tanto diversa dalla mia?
Per ora continuo a sperare in un miracolo.
Ps. A proposito al nord sempre a vantarsi del perfetto funzionamento dei mezzi pubblici…ma io li ho provati: ho preso tre treni metropolitani, ce ne fosse stato uno in orario! Aha Milano, allora non sei perfetta neanche tu!

Luna.

STRANEZZE

image

(Foto personale)

“Amore lo sai che sei una donna strana?”
“Perché?”
“Stai sudando quando fuori è fresco e dovresti avere freddo; ti copri con il lenzuolino quando fa caldo e dovresti sudare, e invece tu tremo per il freddo”.
“Eh amore, io ti avevo avvertito che ero una donna al contrario!”
“Lo so amore, mi hai sempre detto che soffrivi il caldo, invece era una bugia: sei una freddolina!”
“Ma amore io soffro il caldo!”
“Sì amore, ora però torna a dormire e copriti, fuori ci sono solo 40 gradi!

Luna e le sue stranezze.