MATRIMONIO AL SUD

(Immagine personale)

Il 16 luglio di quest’anno, una romana e un milanese, sono stati invitati ad un matrimonio al sud. Ancora ci stiamo riprendendo dalla giornata. Per un attimo abbiamo creduto di essere stati catapultati sul set di un nuovo film di Checco Zalone. Ma andiamo con ordine.

Il matrimonio si sarebbe celebrato la mattina del 16 luglio, così la sera prima ci siamo messi in macchina diretti verso un paesino della Campania, Conza, dove avremmo pernottato. Beh, fatte le valigie e presi gli abiti, ci siamo diretti verso sud. E uno al sud si aspetta un caldo terribile, soffocante, afoso. E invece quel weekend, dopo che fino al giorno prima c’erano stati 40 gradi, decide di arrivare dal Nord l’ennesimo anticiclone della minchia. E vabbè almeno stiamo freschi, abbiamo pensato. Freschi, no surgelati! Perché mentre ci dirigevamo verso la meta, pioggia, vento e freddo accompagnavano il nostro viaggio. E un termometro, ridendo, ci segnalava la temperatura: 10 gradi! Esatto, avete capito bene, 10 gradi. Ma al sud non fa sempre caldo??????????? Arriviamo surgelati e pernottiamo in un bad e breakfast prenotato per noi dagli sposi. L’indomani mattina sveglia presto, alle 9,30 dobbiamo stare a casa della sposa, in un paesino vicino, in un’altra regione. Lasciamo la Campania ed arriviamo in Basilicata. E certo ce lo potevano dire prima che il paese era in montagna! 

(Immagine personale)

Vi giuro che era il 16 luglio e non il 16 novembre! 

Con questo bel tempo, dopo aver visto e salutato la sposa ci siamo diretti in processione in chiesa. Qua, un’ora e più di messa recitata da un prete che sembrava ubriaco, per quanto si mangiava le parole e sbiascicava! Mai messa fu recitata così male! Dopo questo supplizio, con il tempo sempre brutto, alle 12,00 ci siamo diretti verso i pullman affittati dagli sposi, per condurre gli invitati al ristorante. In un’altra regione, in un’altra città. Puglia, Andria. Dopo, un’ora e mezza di curve e stomaco sotto sopra, arriviamo in questa villa rinascimentale immersa nel verde. Aperitivo veloce (siamo in ritardo, sono già le 15 e ancora dobbiamo sederci a tavola); entriamo in questo enorme salone con un gigantesco lampadario in cristallo pieno di camerieri impettiti sull’attenti pronti ad accoglierci ed accompagnarci ai nostri tavoli. Evvai, se magna finalmente”. Seeee beati voi. È il momento di fare gli auguri agli sposi. Ecco vi spiego. Fare gli auguri agli sposi voleva dire che, tutti e 350 gli invitati, dovevano alzarsi, consegnare la busta con i soldi, e baciare in ordine: i genitori dello sposo, i genitori della sposa, gli sposi e dulcis in fundo, i testimoni! 😱😱😱😱😱 La romana e il milanese si guardano negli occhi e….pazienza, ancora non si mangia! Dopo un’ora di baci e auguri, buste e bustarelle, finalmente, alle ore 16 si inizia a mangiare. E qua vado veloce: 300 antipasti, 400 primi, 500 secondi, l’orchestra che cantava canzoni melodiche e sfrangicoglioni a tutto volume, mandando l’ottimo cibo  di traverso agli invitati, tra una portata e un’altra un bel ballo così da shekerare ben bene nelle panze tutto quello mangiato. 

Verso sera, saranno state le 21, cambiamo sala per il taglio della torta. Un buffet di dolci invitanti ci accoglie. Peccato che dopo 8000 portate non c’è più spazio nemmeno per uno spillo. E di nuovo musica con il dj, balli, taglio della torta saluti e baci. Finalmente alle 23,30, l’annuncio della partenza dei pullman. Che ora che son ripartiti era già mezzanotte. Morale della storia alle 2 eravamo in camera, morti, infreddoliti, svenuti sul letto.

Matrimonio al sud: esci di casa alle 9,30 di mattina e se tutto va bene, rientri per le 2 di notte. 

La Mina.

Annunci

14 pensieri su “MATRIMONIO AL SUD

  1. Però la romana doveva essere preparata al matrimonio al sud.
    Una giornata diversa dal solito. Vuoi mettere la vivacità di questo matrimonio con quello ultraveloce del nord?
    Certo che ce ne hai messo per riprenderti 😀

  2. Indiana Jones ti lucida gli stivali 😀 😀 😀

    al sud i matrimoni sono “roba seria”, se non riempi le panze degli invitati fino a farle scoppiare ti “sparlano” per tutta la vita, una ventina di anni fa mi è successa una cosa simile in Calabria, circa 700 invitati, tra le infinite portate anche un’aragosta intera a testa. In fondo… per servire simili menù occorrono inevitabili tempi tecnici, comunque quello è stato l’ultimo matrimonio fuori Piemonte a cui ho partecipato

    bella la musica “sfrangicoglioni” 😀 😀 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...